Consigli per l’estate

I nostri consigli per una vacanza estiva in Val Pusteria

Malga HaidacherLa Malga Haidacher è gestita da un nostro cugino, insieme a sua moglie e ai suoi genitori Hartschtl e Christl, i veterani e vere colonne portanti del rifugio. La malga si trova nella valle di Vila di Sopra, ed è raggiungibile in un’ora e quaranta minuti di cammino seguendo un percorso piacevole e non impegnativo. Qui potrete gustare formaggio, burro di malga e mozzarella, oltre a succhi, la frittata dolce Kaiserschmarrn, il gulasch di manzo e dolci, tutto fatto in casa! E se vi fermerete un po’ più a lungo, potrete anche sorseggiare una buona grappa.

Il Messner Mountain Museum CoronesSu un altopiano, a 2.275 m di altitudine, è stato costruito un monumento, che incorona, in senso metaforico, Plan de Corones. L’MMM Corones, uno dei musei ideati dal famoso alpinista estremo Reinhold Messner, è dedicato alla disciplina dell’alpinismo tradizionale. A impressionare il visitatore non saranno solo la mostra e la vista sulle montagne circostanti, ma anche un inconfondibile design architettonico.

Il Messner Mountain Museum RipaDa migliaia di anni, l’uomo è attratto dalle montagne. E se il moderno alpinismo ha solo 250 anni di storia, i popoli sono parte integrante delle vette, delle fenditure delle rocce e del mondo montano da ben 10.000 anni. L’MMM Ripa, ospitato nel Castello di Brunico, è dedicato ai popoli di montagna di tutto il mondo, come Europa, Asia, Africa e Sudamerica. Partite per un viaggio alla scoperta delle montagne e dei popoli che le abitano.

Castello di Brunico
Museo Provinciale degli Usi e Costumi di Teodone Messner Mountain Museum Corones

Le piramidi di terra di Vila di SopraLe piramidi di terra di Vila di Sopra, a Perca, sono fra le più importanti della Val Pusteria e un vero capolavoro architettonico della natura. Costituite da terra e pietra, molto visitate e assolutamente da non perdere, si sono formate verso la fine del XVII secolo, in seguito a violenti nubifragi. Le piramidi di terra possono essere raggiunte seguendo un percorso circolare piacevole e non impegnativo che attraversa il bosco.

Il Museo Provinciale degli Usi e Costumi di TeodoneScoprire la storia con un’esperienza interattiva: nel Museo Provinciale degli Usi e Costumi di Teodone, che comprende un’ampia area all’aperto, il visitatore si sentirà come trasportato in un viaggio indietro nel tempo, in un’epoca fatta di vita autentica e lavoro nei campi. Qui potrete ammirare scricchiolanti ruote di legno, pompe ad acqua, capre, maiali, buoi, mulini, utensili di professioni ormai dimenticate – come il fabbro, il cordaio, il carraio, il cestaio – e scoprire la vita ricca di contrasti della nobiltà terriera.